Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for febbraio 2011

 

Eugenio Curiel, fondatore del Fronte della Gioventù

Nell’autunno del 1945, a pochi mesi dalla Liberazione, cominciai la mia attività al Comitato Provinciale del Fronte della Gioventù ( quello fondato da Eugenio Curiel ) nella sede di via Conservatorio 9, divenuta poi via Mascagni 6.

Via Conservatorio era stata la sede della GIL (Gioventù Italiana del Littorio), occupata dai partigiani il 25 Aprile. Al primo piano si insediò il Commissariato Italiano alla Gioventù incaricato dal Governo di gestire i beni ex-GIL. Il Commissario era Tommaso Pesce, poi diventato dirigente del PSI.

Il Fronte della Gioventù occupava tutto il secondo piano e utilizzava il teatro (poi “Arti”, oggi “Derby”). La via Conservatorio era chiuso da un muro all’altezza di via Visconti di Modrone, dove in precedenza scorreva il Naviglio. Coperto il Naviglio, abbattuto il muro, quel pezzo di via Conservatorio divenne via Pietro Mascagni e venne collegata con l’attuale via Borgogna.  (altro…)

Read Full Post »

“Vi giro il messaggio, da noi pienamente condiviso, degli organismi nazionali a riguardo della manifestazione del 13 febbraio, CHE NON RIGUARDA SOLO LE DONNE, ma deve vedere presenti anche molti uomini.
Diffondete il messaggio ed assicurate una buona partecipazione alle iniziative che si svolgeranno a Milano.
Cordialmente.”

Il Presidente, Carlo Smuraglia.


Read Full Post »

Sabato pomeriggio, 29 gennaio alle 14, in viale Romagna 16 genitori e docenti della scuola si sono trovati per riappendere lo striscione che il Comune di  Milano aveva staccato e trafugato il sabato prima di Natale.
Su questo striscione c’è scritto “Stanno sfasciando la scuola  pubblica. Io non ci sto” , una frase che riassume con estrema  chiarezza lo stato d’animo di migliaia di genitori, docenti e studenti  di tutte le scuole d’Italia.
Avevamo pubblicamente annunciato che avremmo riappeso lo striscione  attraverso locandine appese fuori dalla scuola e un comunicato stampa.
Avevamo annunciato che, dopo averlo riappeso, saremmo andati in piazza  della Scala per partecipare alla manifestazione indetta da un gruppo  di donne che vogliono vivere in un’Italia diversa.
Alle 18, quando alcuni di noi sono ripassati davanti a scuola, hanno  scoperto che lo striscione non c’era più; era stato staccato e  trafugato lo stesso pomeriggio.
Chi può averlo fatto?
Ancora il Comune di Milano dimostrando una celerità di intervento mai  espressa nei confronti delle attività di manutenzione che tutte le  scuole di Milano richiedono, ma non ottengono se non in tempi biblici?
Oppure qualche cittadino della zona che ritiene che il decoro delle istituzioni possa venire offeso da uno striscione che dice la verità  anziché dai comportamenti della maggioranza e del suo presidente del consiglio?
Noi non possiamo saperlo. Possiamo solo riaffermare che ci stiamo, che  continueremo a lottare per una Scuola Pubblica di Qualità e lo faremo  alla luce del sole, mettendoci la faccia.
Riappenderemo i nostri striscioni perché crediamo che nessuno possa  impedirci di dire quello che pensiamo e continueremo a farlo  pubblicamente e senza farci intimidire.
Perché noi non ci stancheremo. Si stancheranno prima loro…

Comitato Zona 3 per una Scuola di Qualità

 

Read Full Post »

Il Congresso di Sezione ANPI “25 Aprile” di Milano Città Studi esprime un giudizio favorevole al Documento politico-programmatico per il 15° Congresso Nazionale ANPI, con gli emendamenti approvati.

Il Congresso afferma l’impegno della Sezione nella battaglia per la difesa e l’affermazione dei valori della Resistenza, dell’Antifascismo e della Costituzione repubblicana.

Il Congresso rivendica la piena autonomia dell’ANPI da ogni ingerenza esterna, proveniente sia da partiti che da qualsiasi altra organizzazione, pur chiedendo l’adesione e la partecipazione di tutte le forze politiche, sindacali e sociali alla battaglia comune antifascista per l’affermazione piena della democrazia.

Il Congresso afferma la necessità che debba sempre prevalere l’impegno di tutti i suoi iscritti contro ogni iniziativa contraria alla unità dell’ANPI che deve essere preservata come il bene più prezioso.

Il Congresso impegna la Sezione a sostenere nelle prossime elezioni, sia amministrative che politiche, liste e candidati che assumano l’impegno di riconoscere il ruolo dell’ANPI, i valori antifascisti e antirazzisti che sono alla base della Costituzione nata dalla Resistenza e dall’Antifascismo.

Read Full Post »

« Newer Posts