Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for gennaio 2014

L’ intervento di una compagna durante l’assemblea di Sezione ha sottolineato l’indifferenza generale, nei media sia in televisione che sui giornali, che ha accompagnato il ricordo del 70° anniversario della fucilazione dei fratelli Cervi. Proviamo a porre un piccolo rimedio con l’aiuto di un libro, una poesia, immagini e una canzone, iniziamo ricordando i loro nomi:
Gelindo, (nato nel 1901); Antenore (1906); Aldo (1909); Ferdinando (1911); Agostino (1916); Ovidio (1918); Ettore (1921) e infine il loro compagno Quarto Camurri (1921) assieme a loro trucidato

librocervi0001_optQuesto libro che dovrebbe essere adottato nelle scuole per far conoscere ai giovani “una delle massime espressioni letterarie dell’epopea partigiana italiana. Mai nella storia di un popolo, neppure nelle sue leggende, si era avuto il sacrificio di sette fratelli caduti nello stesso istante e per la stessa causa.”
Dalla prefazione del compagno Sandro Pertini: “E’ un piccolo capolavoro di dolcezza, di fierezza e di forza. Una testimonianza della perennità di quei valori della Resistenza ai quali così spesso mi rifaccio come al fondamento del nostro consorzio civile….a combattere in prima fila per difendere la nostra Repubblica democratica che è nata dal sacrificio di migliaia di partigiani come Alcide Cervi e i sette purissimi eroi ai quali egli è sopravvissuto per un disegno non arcano della storia”
Dall’ultima pagina del libro: “……. che i nostri morti ispirino i vivi, che il loro sacrificio scavi profondo nel cuore della terra e degli uomini. Allora sì, mi sarò guadagnato la mia morte, e potrò dire alla madre dolce e affettuosa, alla sposa mia adorata: la terra non è più come quando tu c’eri, sulla terra si può vivere, e non solo morire di crepacuore. E ai figli dirò: l’Italia vostra è salva, riposate in pace, figli miei.”

Salvatore Quasimodo,  Ai fratelli Cervi, alla loro Italia

…….
Ma io scrivo ancora parole d’amore,
e anche questa terra è una lettera d’amore
alla mia terra. Scrivo ai fratelli Cervi,
dipintocervinon alle sette stelle dell’Orsa: ai sette emiliani
dei campi. Avevano nel cuore pochi libri,
morirono tirando dadi d’amore nel silenzio.
Non sapevano soldati, filosofi, poeti,
di questo umanesimo di razza contadina.
L’amore, la morte, in una fossa di nebbia appena fonda.
Ogni terra vorrebbe i vostri nomi di forza, di pudore,
non per memoria, ma per i giorni che strisciano
tardi di storia, rapidi di macchine di sangue.

http://www.fratellicervi.it/content/view/571/1/

OLYMPUS DIGITAL CAMERA “Mi hanno sempre detto… tu sei una quercia che ha cresciuto sette rami, e quelli sono stati falciati, e la quercia non è morta… la figura è bella e qualche volta piango… ma guardate il seme, perché la quercia morirà, e non sarà buona nemmeno per il fuoco. Se volete capire la mia famiglia, guardate il seme. Il nostro seme è l’ideale nella testa dell’uomo.

 

rg

Annunci

Read Full Post »

logo25apr2Domenica 19 gennaio 2014 si è tenuta l’ Assemblea annuale della Sezione “25 Aprile” di Milano Città Studi in cui, dopo  dibattito alla presenza di Roberto Cenati presidente dell’Anpi provinciale di Milano, è stato aggiornato il Direttivo di Sezione con l’inserimento di Ricciarda Ricciardelli nel Gruppo Scuola e di Gaspare Jean quale revisore dei conti in sostituzione del compianto compagno Mario Capelluti.

In apertura è stato approvato all’unanimità l’appello  ANTIFASCISTA E ANTIRAZZISTA

L’Assemblea annuale della Sezione “25 Aprile” di Milano Città Studi dell’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) politecnicodi fronte al ripetersi di manifestazioni e provocazioni di marca neofascista e razzista a Milano, e in particolare nella Zona 3, quale la recente invasione del Consiglio di Zona da parte di un gruppo di “Forza Nuova” e il grave tentativo di svolgere una iniziativa all’interno del Politecnico

chiede alle forze dell’ordine di applicare tutte le leggi per impedire lo svolgimento di manifestazioni di chiara impronta neofascista e razzista;

rivolge un forte appello alle istituzioni democratiche, a partire dal Consiglio di Zona, alle forze politiche e sindacali, perché sviluppino il più ampio impegno antifascista nei quartieri, nei luoghi di lavoro, nella scuole e nelle Università, promuovendo le più larghe iniziative in occasione della ricorrenza del 70° anniversario degli scioperi del marzo 1944, del prossimo 25 Aprile e del 2 Giugno, festa della Repubblica e della Costituzione, nata dalla Resistenza.

assembea1_opt

    

assemblea 2

Read Full Post »

locandina

locandina

Quest’anno in collaborazione con l’Istituto Vespucci e il Consiglio di Zona 3 l’appuntamento è

 Venerdì 24 gennaio, ore 21

 Auditorium di via Valvassori Peroni 56

 

Una strana margherita

Da un’idea di Antonio Quatela
Contributo drammaturgico Elena Cerasetti
Lettura scenica a cura di Elena Cerasetti e Raffaella D’Angelo
Musiche di Carlo Cialdo Capelli

Di ritorno da Mauthausen

Narrazione scenica a cura degli alunni dell’Istituto Amerigo Vespucci di Milano
Stefano Solera
Eranda Curaj
Mattia Figoni
Lisa Caprio

Read Full Post »