Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘anpi’

logoanedANPI - LOGOLAGER EUROPA un viaggio nel sistema concentrazionario nazi-fascista con immagini dei campi di concentramento e di sterminio in Europa. Una mostra alla Loggia dei Mercanti di Milano dal 25 gennaio al 15 febbraio 2015 organizzata da ANED e ANPI milanesi.

Read Full Post »

Riportiamo da Anpi News di questa settimana la notazione al riguardo del Presidente  Nazionale ANPI Carlo Smuraglia

bandieraquirinaleSiamo in attesa dell’elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Non ci associamo al toto nomi, anche se – francamente – c’è da essere scandalizzati del fatto che appaiono e scompaiono, quotidianamente, nomi che potrebbero essere anche idonei a ricoprire quell’alta carica a nomi che davvero al Quirinale non sarebbero ben visti da molta parte del popolo italiano, non perché indegni, ma perché inadeguati.

 costituzione-italianaSecondo la nostra Costituzione, il Presidente della Repubblica ha un ruolo altissimo, di garanzia per tutti e di rispetto e salvaguardia della Costituzione. Occorre, dunque, una figura in grado di riscuotere la fiducia dei cittadini per le sue qualità particolarmente elevate, per i suoi precedenti e per le garanzie personali che offre di essere capace di porsi al di sopra delle parti. Un Presidente, peraltro, che non dovrebbe dimenticare mai di essere al servizio di una Costituzione democratica, nata dalla Resistenza e frutto della lotta, dell’impegno e del sacrificio di tanti per liberare il Paese da una tragica a disastrosa dittatura. Un Presidente che ci rappresenti bene anche all’estero, sempre per le sue qualità superiori.

25aprileCe ne sono, di persone di questa fatta, nel nostro Paese, uomini e donne? Certamente, si; magari non moltissimi, ma ci sono. Ed allora l’auspicio è che si scelga fra questi, non per meschini calcoli di partito o personali e non per accordi più o meno palesi; ma perché convinti di poter essere degnamente rappresentati e garantiti, tutti, maggioranza e opposizioni. Giacché ci sono, mi permetto perfino di sperare che si tratti di una persona democratica e antifascista. Tutto qui; se ciò riuscirà, la nostra Associazione ne sarà felice, soprattutto per la salvaguardia dei valori di cui è portatrice

Read Full Post »

Abbiamo raccolto alcuni passi della relazione tenuta da Roberto Cenati alla conferenza provinciale di organizzazione di sabato 8 novembre.

L’ANPI coscienza critica

ANPI - LOGOL’Anpi, in questa delicatissima fase della vita politica e istituzionale del Paese, deve svolgere il suo ruolo di coscienza critica, senza che ciò comporti la sua ingerenza nelle questioni che riguardano la vita e le scelte delle forze politiche e in quelle più strettamente partitiche. Coscienza critica significa osservare la situazione politica e istituzionale formulando valutazioni sulla base di un metro fondamentale: la Costituzione e i suoi valori. Bisogna evitare comunque un rischio nel nostro dibattito politico. Quello di credere che l’ANPI sia onnipotente e che da sola riesca a cambiare il nostro Paese.

Costituzione repubblicana: faro della democrazia

costituzioneFra mille problemi, quelli delle riforme Costituzionali sembrano, a tanti, ben poca cosa, di cui è giusto che si occupi chi ha il dovere di farlo. Ma non si comprende che proprio questo è il guaio, perché i cittadini non possono consentire di essere privati di una parte della propria sovranità e permettere radicali cambiamenti della Costituzione che, secondo il pensiero dominante dovrebbe essere adeguata alle necessità del mercato e della competitività. Nel nostro Paese il rischio è che possano saltare gli equilibri costituzionali e ridursi gli spazi di democrazia diretta, con un sistema fortemente maggioritario, con un ampio premio di maggioranza e un’elevata soglia di sbarramento, previsti dalla legge elettorale approvata alla Camera e con una sola Camera politica. La nostra Costituzione, antifascista in ogni suo aspetto, anche se questo termine viene ormai considerato superato dagli stessi ultimi tre Presidenti del Consiglio, va oggi difesa e conservata nella sua impalcatura fondamentale rappresentata dall’equilibrio dei tre poteri (esecutivo, legislativo e giudiziario) che sono alla base della democrazia repubblicana, senza nessun sbilanciamento a favore dell’esecutivo. Nel disegno di legge costituzionale approvato in prima lettura dal Senato, si prevede però che “il governo può chiedere alla Camera dei Deputati che un disegno di legge sia iscritto con priorità all’ordine del giorno e sottoposto alla votazione finale entro 60 giorni”. Tutto ciò, se realizzato, rappresenterebbe un passo avanti nella direzione del rafforzamento del potere esecutivo e della riduzione al minimo del legislativo. La stessa ratifica Parlamentare che si fa al contempo obbligata (con la fiducia) e vaga (con la delega, come nella materia del lavoro), contribuisce a trasferire sempre più il potere dal legislativo all’esecutivo. Il parlamentare conta sempre meno, legato com’è ad un ferreo vincolo di mandato, che si pone in netto contrasto con quanto prevede l’articolo 67 della Costituzione

Il futuro dell’ANPI

memoriafuturoAlle questioni riguardanti il futuro dell’ANPI sono stati dedicati un Comitato e un Consiglio nazionale. Il futuro, si è detto, è già nel presente. Su tre questioni, in particolare, si potrebbe giocare il futuro dell’ANPI: la necessità del mantenimento della coesione nella nostra Associazione, quella di conservare e garantire la nostra autonomia da condizionamenti partitici e il superamento di una certa fragilità organizzativa diffusa.

Natura dell’ANPI

L’ANPI, Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, con i suoi 135.000 iscritti, è tra le più grandi associazioni combattentistiche presenti e attive oggi nel Paese. Fu costituita il 6 giugno 1944, a Roma, dal CLN del Centro Italia, mentre il Nord era ancora sotto l’occupazione nazifascista.
Il 5 aprile del 1945, con il decreto luogotenenziale n. 224, le veniva conferita la qualifica di Ente morale che la dotava di personalità giuridica, promuovendola di fatto come associazione ufficiale dei partigiani.
comandante-bulowIl 4 giugno 1945, con la Liberazione del nord, venne costituita a Milano l’ANPI – Comitato Alta Italia. Ad entrare a far parte della Presidenza furono i componenti del Comando Generale del CVL, a rappresentare idealmente e fattivamente la continuità dell’unità della Resistenza anche nell’ANPI: Raffaele Cadorna, Ferruccio Parri, Luigi Longo, Enrico Mattei, Giovanni Battista Stucchi, Mario Argenton. Nel Comitato esecutivo figuravano Arrigo Boldrini “Bulow” e Cino Moscatelli. Il 27 giugno 1945, il Comitato provvisorio dell’ANPI di Roma e il Comitato Alta Italia si fusero dando vita all’ANPI Nazionale. L’Associazione ebbe una sua rappresentanza alla Consulta Nazionale i cui lavori si svolsero tra il settembre 1945 e il referendum istituzionale dell’anno successivo. Mentre l’Associazione nazionale combattenti ebbe 8 rappresentanti e quella dei mutilati e invalidi di guerra 4, all’ANPI ne furono assegnati 16, a conferma del prestigio di cui annunziata-cesani-CEDAgodeva. Questa è l’ANPI. E questa la sua gloriosa storia.
Per Annunziata Cesani, la nostra Ceda, che all’ANPI ha dedicato tutta se stessa, l’ANPI veniva per lei sempre prima di tutto e non doveva essere anteposta a direttive di partito, sindacali o di altre associazioni.
“L’ANPI è l’ANPI” diceva Ceda e non vogliamo che si trasformi in una Associazione qualsiasi. E’ questo un punto fondamentale che dobbiamo sempre tenere presente: quello di mantenere e conservare le caratteristiche che hanno fatto dell’ANPI un’Associazione, stimata e tenuta in grande considerazione da tutti.

Manifestazione Lega del 18 Ottobre 2014

Abbiamo ritenuto di non aderire alla contromanifestazione dei centri sociali del 18 ottobre scorso. L’Anpi non può manifestare con associazioni di cui non condivide parole d’ordine e aderire a piattaforme precostituite. C’è stata una presa posizione nostra che ha avuto visibilità anche sulla stampa e della Diocesi di Milano contro la deriva xenofoba e razzista della Lega, incentrata sull’importanza di sviluppare un’azione di sensibilizzazione nei confronti delle giovani generazioni, nelle scuole, sulla Costituzione. Siamo profondamente convinti che la sconfitta della xenofobia e del razzismo non siano configurabili con una o più contromanifestazioni.

Cosa intendiamo per antifascismo

Un dato vorrei sottolineare, a questo proposito: la nostra concezione dell’antifascismo è profondamente diversa da quella di chi lo considera autentico solo se ci si mobilita scendendo in strada e manifestando. Essere antifascisti significa per noi anche battersi per difendere la legalità repubblicana e la democrazia non solo dal fascismo in camicia nera, ma da tutti i fascismi e gli autoritarismi comunque si presentino. vittoriofoaOsservava Vittorio Foa nel libro Il cavallo e la torre che “essere antifascista significa resistere sempre al dominio arbitrario di altri su noi stessi. Antifascismo è pluralismo politico e pluralismo sociale, cioè legittimazione delle differenze. Antifascismo è l’ansia di intervenire contro l’ingiustizia, piccola o grande che sia, di intervenire contro ogni minaccia alla libertà. E’ la democrazia come partecipazione e non solo come garanzia. E’ il rifiuto di ogni delega globale, la fiducia nelle spinte che vengono dal basso.”

tessera2015-a_opt

Read Full Post »

Appello dell’ ANPI Nazionale :                                                        


 

Appello della Sezione “25 Aprile”

Read Full Post »

Pubblichiamo l’intervista di Oreste Pivetta al professor Carlo Smuraglia, neo Presidente Nazionale dell’Anpi, pubblicata su lUnità del 18 aprile.

Dagli insulti ai magistrati, dalle offese ripetute alla istituzioni, dall’assalto alla Costituzione all’occupazione della televisione pubblica, ai nuovi attacchi nei confronti della scuola pubblica: è il quadro di un paese, che vive alcuni tra i suoi giorni peggiori, che deve assistere a una messinscena, dal copione ormai risaputo, ripetuto, noioso, che frastorna però, che confonde le idee, che nel frastuono continuo maschera le minacce alla democrazia.

Carlo Smuraglia cita Carlo Azeglio Ciampi: non è questo il paese che sognavamo. Non è il paese che volevano quanti si sono battuti contro il fascismo e contro il nazismo, non è il paese che attraverso la sua carta costituzionale si garantiva un futuro di libertà, lasciandosi alle spalle le macerie dell’oppressione. Carlo Smuraglia, una vita di studio e di politica, è diventato presidente dell’Anpi, a una settimana da un altro 25 Aprile, che torna a dirci quanto attuali e quanto vivi siano quei valori e quei principi per i quali si combattè ormai più di un sessantennio fa.

(altro…)

Read Full Post »