Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘via botticelli’

Ancora una volta è stato commesso un grave atto vandalico da parte di neofascisti.

lapide_optE’ stata bruciata la corona apposta il 25 Aprile alla lapide di viale Romagna, angolo via Botticelli che ricorda i Caduti Partigiani del quartiere:

Libero Basaglia, Ferruccio Berardelli, Luigi Beria, Gilberto Carminelli, Felice Migliorina, Roberto Polastri, Marco Riccardi, Aurelio Tanelli

I vandali fascisti hanno anche dato fuoco a tre moto e a un’automobile.

E’ ora di finirla con questi rigurgiti neofascisti.

Le Autorità preposte all’ordine pubblico garantiscano il rispetto delle leggi.

I cittadini aumentino la vigilanza contro ogni rigurgito neofascista

 Domenica 10 maggio alle ore 11,00 verrà ricollocata la corona alla lapide

coronabruciata_opt

Read Full Post »

Immagine70

Quello del 1944/1945 fu un inverno rigidissimo, a Milano la temperatura raggiunse i meno 10 gradi. In dicembre ci fu una forte nevicata, che mise in grave difficoltà le comunicazioni in città. Poco da mangiare, niente riscaldamento. Gas, luce e acqua a singhiozzo. Bombardamenti, mitragliamenti da parte degli aerei degli “alleati” anglo-americani. Nelle fabbriche si scioperava per ottenere qualche miglioramento delle razioni alimentari. Le azioni partigiane si intensificavano. I tedeschi continuavano la dura occupazione militare. I fascisti erano sempre più preoccupati e per questo incattiviti. viabotticelliIl 6 gennaio venivano fucilati quattro giovani in via Botticelli, a Città Studi: tre avevano 16 anni, uno 18. Erano stati arrestati per aver effettuato un lancio di volantini al Cinema Pace in corso Buenos Aires. Il 14 gennaio vengono fucilati al Campo Giuriati nove giovani appartenenti al Fronte della Gioventù. Il 2 febbraio è la volta della fucilazione al Giuriati di cinque membri della 3.a GAP (Gruppi di azione patriottica). Il 18 marzo sempre al Giuriati viene fucilato il partigiano Luigi Arcalini di Voghera. Salgono così a quindici i Caduti del Campo Giuriati. 9rag-bozzetto_optIl Giuriati era considerato l’arena sportiva della zona, con il campo di calcio e la pista di atletica leggera. Attorno al Giuriati, prima che sorgessero nuove strutture universitarie, esistevano parecchi campi di calcio dove si sfidavano decine di squadrette di “pulcini” e “ragazzi”, Il campo è diventato così oggi una testimonianza della vita di tanti giovani, ma anche il luogo di un grande contributo di sangue alla Resistenza, E’ il contributo che porta alla Insurrezione del 25 Aprile.

La “mia Resistenza” Sono entrato nella Resistenza clandestina nell’agosto del ’44, subito dopo l’eccidio di Piazzale Loreto. Avevo incontro un militante del Partito d’Azione ed ero entrato a far parte del 23° Distaccamento della Brigata “Rosselli” di Giustizia e Libertà. liberolibroSubito dopo costituimmo una squadra all’Istituto Cattaneo di piazza della Vetra : eravamo cinque ragazzi tra i 15 e 16 anni; nominammo caposquadra Luigi con il nome di battaglia “Ulisse” e io divenni “Aiace”. Cominciammo la nostra attività con il lancio di volantini antifascisti davanti alla scuole, alle fabbriche, alle Università, sui sagrati delle chiese, nei mercati ambulanti (ricordo bene i lanci in bicicletta in Viale Molise, via Fiamma e altri). E poi nei cinema:all’Odeon, al Plinius, al Susa, all’X Cine di Via Menotti (con inseguimento e sparatoria dei fascisti). Poi in novembre Luigi venne arrestato dalla “Muti” assieme agli altri capi-squadra del Distaccamento, in una casa di Piazza Martini. Luigi evitò la deportazione in Germania e venne obbligato al lavoro dei battaglioni R.R. (Ricostruzione), costretto alla rimozioni delle macerie dei bombardamenti. Toccò a me a ricostruire la squadra e a riprendere l’attività, che comprendeva anche la partecipazione al disarmo di tedeschi e repubblichini durante il coprifuoco, con il ruolo di “pali” al lavoro di partigiani ben preparati.

L’Insurrezione Nella giornata del 25 Aprile Milano insorse. Furono occupate Prefettura, Questura e le caserme abbandonate da tedeschi e fascisti in fuga. La città era nelle mani della Resistenza: prima di tutto degli operai, degli studenti, delle donne dei quartieri popolari con l’adesione dei militari della Guardia di Finanza. Nelle mattina partecipai alla occupazione della Casa del Fascio del “Gruppo Tonoli” , in via Andrea del Sarto (laterale di Viale Romagna), poi presi parte alla occupazione del Palazzo di Giustizia, dove si insediò il Tribunale del CLN. Il 27 aprile respingemmo un attacco dei fascisti che volevano liberare i loro camerati, rinchiusi nelle prigioni del Palazzo. Ci fu uno scontro a fuoco in Corso di Porta Vittoria, arrivarono i rinforzi e i fascisti scapparono.

Milano, 6 maggio 1945. I partigiani sfilano in Piazza del Duomo, Libero è tra loro.

Milano, 6 maggio 1945. I partigiani sfilano in Piazza del Duomo, Libero è tra loro.

Il 6 maggio partecipai in divisa alla grande sfilata delle formazioni partigiane in Piazza del Duomo. Rimasi in servizio nella caserma di Corso Magenta (dove eravamo stati trasferiti) fino al 15 maggio, quando consegnammo le armi ad un ufficiale inglese. La “mia” resistenza era finita e Milano era libera.

Libero Traversa 

Read Full Post »

All’ angolo tra via Botticelli – viale Romagna, sulla destra venendo da piazzale Gorini, vi era il “ Caffè Risveglio”, mio padre Agenore vi andava a giocare a carte quando nel 1938 venne arrestato per attività antifascista,  obbligarono i gestori del locale a cambiare il nome del caffè  confermando così involontariamente che il fascismo era il sonno della ragione. Purtroppo non ricordo con quale nome sostituirono il sovversivo “Risveglio” ma spero che qualche compagno non più tanto ragazzino come me lo ricordi.

Edio Vallini

Due immagini d’epoca di via Botticelli, in una si intravede un caffè che potrebbe essere quello del racconto, purtroppo la qualità dell’immagine non consente di esserne sicuri.

via Botticelli angolo via Reni, 1927

 

Read Full Post »

Durante la doverosa posa delle corone ai partigiani della nostra zona il 25 aprile mattina abbiamo trovato una delle lapidi di via Colombo vandalizzata. Qualcuno, nella notte, ha bruciato la corona, con l’alloro ormai secco, che commemora 4 adolescenti, appartenenti al Fronte della Gioventù,  Tullio Di Parti, Orazio Maron e Giancarlo Tonissi, tutti di 16 anni, e Giuseppe Bodra di 18 anni, che, sospettati di attività patriottica, furono catturati e torturati dai repubblichini del Battaglione Azzurro dell’Aeronautica Nazionale Repubblicana e poi fucilati in via Botticelli il 6 gennaio 1945 .
Quello che ha indignato, oltre che sconcertato, è che per un’azione tanto vile sia stata scelta, tra le tante lapidi dislocate nella zona, proprio quella che ricorda il sacrificio di questi 4 giovanissimi. Già lo scorso anno venne trovata un’altra lapide annerita da un tentativo d’incendio e pochi mesi fa, in via Golgi, un graffito antirazzista, realizzato dal collettivo Lambretta, è stato più volte imbrattato con frasi minacciose, tra cui ‘zona 3, zona nera’
Denunciamo il ripetersi di questi rigurgiti neofascisti anche a Milano, città Medaglia d’Oro della Resistenza, e invitiamo tutti i democratici a una attenta vigilanza per respingere sul nascere questi attentati alla vita democratica.

Read Full Post »